CENTRO DONNA L.I.S.A.

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

info@centrodonnalisa.it

 
                 donne in rete contro la violenza.

vuoi ricevere notizie dal centro donna?


 
iscriviti cancellati

 

 

libera associazione di donne

HOME

chi siamo

come raggiungerci

violenza contro le donne

LEGALE E PRIMA ACCOGLIENZA

appuntamenti

foto

corsi

AUTOPRODUZIONI

COMUNICATI

PROGETTI

FORMAZIONE

NELLA TUA CITTÀ C'È UN LAGER

È IL CIE (centro di identificazione ed espulsione) DI PONTE GALERIA

NOI NON SIAMO COMPLICI!

SIAMO TUTTE CON JOY LA DONNA CHE HA DENUNCIATO IL TENTATIVO DI STUPRO DA PARTE DELL’ISPETTORE-CAPO DI POLIZIA NEL CIE DI MILANO

NEI CIE LA VIOLENZA E’ LA QUOTIDIANITA’!

NON VOGLIAMO ESSERE COMPLICI DI UNA VIOLENZA LEGALIZZATA

NON VOGLIAMO ESSERE COMPLICI DI UN SISTEMA CHE CONSIDERA LE PERSONE IMMIGRATE COME DEI CRIMINALI SOLO PERCHÉ NON HANNO I DOCUMENTI: E’ LO STATO CHE NEGA I DOCUMENTI AD ALCUNE/I COSTRINGENDOLE/I ALLA CLANDESTINITA’ E ALLA RECLUSIONE SENZA AVER COMMESSO ALCUN REATO!

NON VOGLIAMO ESSERE COMPLICI DI UNA LEGGE RAZZISTA FATTA IN NOME DELLA “SICUREZZA” DELLE DONNE


L’UNICA RISPOSTA ALLA VIOLENZA è L’AUTODETERMINAZIONE:

L'AUTODETERMINAZIONE DI UNA È L'AUTODETERMINAZIONE DI TUTTE


GIOVEDI’ 25 NOVEMBRE 2010 GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE A PIAZZA TRILUSSA ORE 16 DONNE, FEMMINISTE E LESBICHE CONTRO LA VIOLENZA SESSISTA E RAZZISTA, SIAMO TUTTE CON JOY!




Nella tua città c'è un lager. Alle porte di Roma, tra il Parco Leonardo e la Fiera di Roma, c'è il centro di identificazione ed espulsione (Cie, ex Cpt) di Ponte Galeria, dove vengono rinchiuse, in condizioni disumane, le persone immigrate a cui negano i documenti o che hanno perso il lavoro. Dall'approvazione, nell’estate del 2009, del “pacchetto sicurezza” che ha prolungato la detenzione fino a sei mesi, all’interno dei Cie di tutta Italia sono scoppiate numerose rivolte. Noi ci sentiamo vicine e vogliamo sostenere le lotte delle recluse e dei reclusi contro questi “lager della democrazia”. In particolare vogliamo farvi conoscere la forza e l'autodeterminazione di Joy.

Lo scorso anno, nel corso del processo contro i reclusi del Cie di via Corelli a Milano che avevano dato vita ad una delle tante rivolte nei lager della democrazia, una delle detenute Joy, ha denunciato in aula di aver subito un tentativo di stupro da parte dell’ispettore-capo di polizia Vittorio Addesso e di essersi salvata solo grazie all’aiuto della sua compagna di cella, Hellen. Inoltre, entrambe hanno raccontato che, durante la rivolta, con altre recluse, sono state trascinate seminude in una stanza senza telecamere, ammanettate e fatte inginocchiare, per essere poi picchiate selvaggiamente prima di essere portate in carcere. Nell’anno seguente Joy è stata costretta a passare dal Cie di via Corelli, al carcere per tornare ad essere internata nei Cie di Ponte Galeria e Modena, ha rischiato di essere deportata in Nigeria, dove la sua vita è in pericolo perché ha denunciato i suoi sfruttatori, e ha subito moltissime minacce, ma non si è arresa e ha portato avanti la denuncia nei confronti di Vittorio Addesso. Il processo contro l’ispettore capo di polizia si è aperto e il 2 dicembre si terrà l’udienza preliminare.

Sappiamo bene che questo non e’ un caso isolato: i ricatti sessuali, le molestie, le violenze e gli stupri sono una realtà che le donne migranti subiscono quotidianamente nei Cie, ma le loro voci sono ridotte al silenzio perché i guardiani, protetti dalla complicità della croce rossa, in quanto rappresentanti dell'istituzione, si sentono liberi di abusare delle recluse.

Per questo pensiamo che sia importante sostenere Joy e Hellen, assieme a tutte le donne che hanno avuto – e che avranno in futuro – il coraggio di ribellarsi ai loro carcerieri e continuare a denunciare la violenza sessista e razzista che colpisce le donne migranti.


Per questo il 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, assieme ad altre compagne femministe e lesbiche che si stanno mobilitando in diverse città, saremo a Piazza Trilussa. Per affermare che noi non vogliamo essere complici, ne’ delle campagne mediatiche costruite sull’equazione razzista “clandestino uguale stupratore”, ne’ delle leggi razziste, securitarie e repressive varate in nostro nome; per gridare che tutti i centri di detenzione per migranti devono essere chiusi e che tutte e tutti devono avere piena libertà di movimento; per dire che rifiutiamo ogni forma di controllo e ogni tentativo di usare i nostri corpi per giustificare gli stereotipi e le violenze razziste e sessiste.

INVITIAMO TUTTE A PARTECIPARE IL 2 DICEMBRE AL PRESIDIO A MILANO IN CONCOMITANZA CON L'UDIENZA PRELIMINARE DEL PROCESSO E/O A TUTTE LE INIZIATIVE CHE IN QUESTA DATA VERRANNO FATTE, NON PERCHÉ CREDIAMO NEI TRIBUNALI , MA PER SOSTENERE UNA DONNA CHE SI E' RIBELLATA.


 

materiali

legislazione

centri antiviolenza

 DONNE IN RETE CONTRO LA VIOLENZA

consultori a Roma

rassegna stampa

contraccezione e aborto

LINKS

 

site search by freefind advanced


 

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

Puoi sostenere le attività del Centro Donna L.I.S.A.  inviando un contributo a  Ass. Donne in Genere O.N.L.U.S. IBAN  IT97 H062 8003 2050 0000 3010 136 

Donne in Genere è una O.N.L.U.S.Ogni contributo in suo favore e' detraibile ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs 4/12/97 n. 460 O.N.L.U.S.